Il 20% Sacconi dei Fondi Sanitari – Quali prestazioni comprende?

Come punto di partenza è necessario capire di cosa stiamo parlando.

Con la soglia del c.d. 20% Sacconi si individua la percentuale minima che i fondi sanitari devono erogare, in merito alle prestazioni cosiddette integrative del SSN, sul totale delle prestazioni erogate/impegnate nell’arco dell’annualità.

Con questo articolo non ci soffermeremo ad approfondire cosa si intende per prestazioni erogate/impegnate (veramente rimborsate, messe a bilancio tecnico ecc), l'argomento verrà trattato, a breve, in un altro articolo. E' inoltre importante ricordare che il rispetto di questa soglia costituisce una delle condizioni sine qua non affinché i contributi versati a tali enti e casse non vadano a formare il reddito imponibile (nella misura massima di € 3.615,20).

Smarcato questo punto va capito quali prestazioni devono essere inserite nel calcolo del 20%. La risposta alla presente domanda è spesse volte imprecisa o incompleta. Eppure, il tema non è poi così complicato. Fatto stà che dal confronto avuto con molti direttori di fondi sanitari, SMS o casse sanitarie, il tema non emerge chiaramente. Il testo di legge parla chiaro (articolo 4 d.lgs. 502 del 1992 e successive modifiche):

  • L’intramoenia: “prestazioni (…) in regime di libera professione intramuraria”. Quando l’utente si reca in ospedale ma prenota la prestazione privatamente all’interno della struttura. La fattura emessa rientra quindi nel calcolo.

  • I ticket sanitari: “prestazioni erogate dal Servizio sanitario nazionale comprese nei livelli uniformi ed essenziali di assistenza, per la sola quota posta a carico dell'assistito”. Sono tutti i ticket che l’utente paga per le prestazioni fruite attraverso il SSN.

  • Prestazioni sociosanitarie: “prestazioni sociosanitarie erogate in strutture accreditate residenziali e semiresidenziali o in forma domiciliare, per la quota posta a carico dell'assistito”. Tutte le prestazioni sociosanitarie che l’utente paga.

  • Medicina non convenzionale: “le prestazioni di medicina non convenzionale, ancorché erogate da strutture non accreditate”. Per fare alcuni esempi: omeopatia, naturopatia, la medicina Ayurvedica, l’agopuntura.

  • Cure termali: “le cure termali, limitatamente alle prestazioni non a carico del Servizio sanitario nazionale”. Il testo di legge qui è chiaro.

  • Odontoiatria: “l'assistenza odontoiatrica, limitatamente alle prestazioni non a carico del Servizio sanitario nazionale (…)”Il testo di legge anche qui è chiaro.

  • A buon intenditore/amministratore di fondo sanitario poche parole: il 20% Sacconi non si raggiunge unicamente con le prestazioni odontoiatriche e nello specifico la pulizia dei denti!

    ← Precedente
    L’analisi statistica per la previsione dell’andamento tecnico del fondo sanitario

    Vedi tutte le
    News

    Write us on Whatsapp
    Write us on Whatsapp Whatsapp
    Call us at the number  Chiama
    Write us an email Scrivi